Alla Corte Del Re Di Francia C Grande Fermento Da Quando Leonardo Dimora Nelle Stanze Del Castello Di Cloux, La Cuoca Mathurine Non Si Stanca Mai Di Impastare, Infornare, Preparare I Piatti Della Tradizione Toscana, Perch Il Maestro Si Senta Sempre Un Poco A Casa Attraverso Il Suo Sguardo Meravigliato E Discreto, Si Svela Un Ritratto Intimo Del Pi Straordinario Genio Del Rinascimento, Un Uomo Capace Di Anticipare Il Futuro Ma Anche Di Commuoversi Al Ricordo Dell Infanzia A Vinci, Insieme Allo Zio, Da Cui Impar A Osservare Le Piante E Gli Animali, La Luna E Le Stelle Tra I Dolci E Le Zuppe Cucinati Dalla Premurosa Mathurine E In Compagnia Di Francesco, Allievo Fedelissimo, Leonardo Ripercorre Le Invenzioni Della Sua Vita, Per Realizzare Infine Il Suo Progetto Pi Poetico E Ambizioso Un Automa A Forma Di Leone, In Grado Di Attraversare Da Solo Un Intera Stanza E Di Dar Vita A Uno Spettacolo Sorprendente Sogna, Leonardino Mi Diceva Lo Zio Francesco, Sogna, E Forse Un Giorno Vedrai Quanti Ricordi Affiorano Le Corse Sulle Colline Toscane, Sotto Il Sole Caldo Dell Italia, I Boschi, I Fiumi Da Attraversare Sempre Al Suo Fianco Quante Ore Passate A Osservare Gli Uccelli In Volo Prima Che Pittore, Ingegnere, Filosofo E Inventore, Leonardo Da Vinci Fu Un Sognatore, Capace Di Pensare In Grande Proprio Perch Rimasto Sempre Bambino E Capace Di Farci Sognare Ancora Dopo Anni Dalla Sua Scomparsa Et Di Lettura Da Anni